Cisl Scuola Lazio

18/08/2015

Scrima: vergognoso gettare discredito sui precari della scuola

leggi la notizia sul sito della CISL SCUOLA Nazionale. 

18/08/2015

Scrima: vergognoso gettare discredito sui precari della scuola

leggi la notizia sul sito della CISL SCUOLA Nazionale. 

08/08/2015

FORMALBA: AN ENDLESS STORY

Pubblichiamo in allegato la lettera che FLC CGIL, CISL SCUOLA e UIL SCUOLA del Lazio hanno inviato all'ente di formazione professionale FORMALBA sulla procedura di mobilità del personale da esso avviata. 

clicca qui

03/08/2015

RICORSO ESCLUSI DAL PIANO ASSUNZIONALE. GRADUATORIE DI SECONDA FASCIA

Gli studi legali di FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, SNALS CONFSAL e GILDA UNAMS ritengono giuridicamente fondato e percorribile il ricorso al TAR del Lazio, volto ad impugnare il decreto 767/2015, con particolare riferimento all'esclusione dal piano straordinario di assunzioni attualmente in corso del personale docente abilitato inserito nelle graduatorie di seconda fascia di istituto.

A tal fine, gli studi legali  hanno valutato l’opportunità di procedere per queste tipologie di soggetti con l’avvio di ricorsi finalizzati all'annullamento del decreto 767/2015 nella parte in cui  esclude i soggetti non inseriti nelle GAE.

Si consiglia a tutti coloro che sono esclusi dal piano (abilitati di seconda fascia )  di  presentare una  domanda cartacea di partecipazione al piano assunzionale entro il 14 agosto,  in modo di manifestare la volontà di accedere a detto piano straordinario di assunzioni. Stesso invito viene rivolto a quanti, in possesso del titolo magistrale conseguito entro l'anno 2001/02, stanno ricorrendo ai fini dell'inserimento nella GAE. 

Pubblichiamo in allegato alla presente il modello di domanda, che dovrà essere compilato e spedito dal singolo a mezzo raccomandata agli indirizzi indicati nel modello di domanda, ossia al MIUR e all'Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, via Luigi Pianciani,32, 00185 Roma ; ciò rappresenterà il primo atto idoneo a manifestare la volontà di ciascun interessato rispetto alla partecipazione al piano straordinario di assunzioni.  Si precisa che il ricorso può essere presentato anche in assenza di servizio effettivamente prestato. In tal caso, il ricorrente non dovrà compilare la parte della domanda relativa al servizio, ma solo parti restanti (Titolo di accesso, titoli culturali, titolo di preferenza o di riserva).

Si sottolinea che le province per la richiesta di immissione in ruolo vanno indicate tutte, come stanno facendo i colleghi delle GAE. Ciò che può indicare  il singolo richiedente è il solo ordine di preferenza tra le 100 province che compaiono nell’elenco di cui alla domanda allegata.


 Gli interessati sono altresì invitati a notificare l’avvenuto invio della domanda di partecipazione alle strutture provinciali della CISL Scuola del Lazio, ai seguenti indirizzi:

cislscuola.roma@gmail.com
cislscuola.rieti@cisl.it
cislscuola.frosinone@cisl.it
cislscuola.viterbo@cisl.it
cislscuola.lataina@cisl.it

 

scarica documento

01/08/2015

Scuole polo della provincia di Roma per assegnazione di sede neo immessi in ruolo

Pubblicato elenco scuole polo di Roma, presso le quali i neo immessi in ruolo riceveranno l'assegnazione della sede. I calendari e le sedi disponibili per le assegnazioni di sede saranno pubblicati sul sito dell'Ambito Territoriale di Roma, mentre ogni scuola polo pubblicherà le sedi e i calendari di propria competenza. 

Clicca qui

28/07/2015

ANCORA CAMPIONI DEL MONDO. RISPETTO PER LA SCUOLA ITALIANA!

​Sul sito della CISL SCUOLA regionale, avevamo già dato notizia dei successi ottenuti dalle scuole italiane nell'edizione 2014 della Zero Robotics competition, gara internazionale promossa dal prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT), con la collaborazione dell’Agenzia Spaziale Europea e della NASA. La gara era finalizzata alla progettazione del software necessario a guidare piccoli satelliti detti SPHERES (Synchronised Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites), utilizzati anche nella Stazione Spaziale sulla quale ha recentemente soggiornato l’astronauta Samantha Cristoforetti.
Nell’edizione 2014 di Zero Robotics, dunque, ben due scuole italiane hanno conquistato il podio del campionato mondiale, il Liceo Brocchi di Bassano del Grappa (VI), che ha conseguito il 1° posto, e il Liceo Cecioni di Livorno, che si è classificato al 3° posto. L'Istituto di Istruzione Superiore Vallauri di Fossano (CN) e l'Istituto Internazionale Agnelli di Torino, invece, hanno conquistato rispettivamente il 1° e il 2° posto della classifica Virtual Final, condotta fra le scuole che non hanno potuto partecipare alle fasi finali della competizione. 

Il successo italiano non è una meteora o un caso fortunato. Nel 2011, nell’edizione europea del concorso, al quale parteciparono 25 scuole italiane e tedesche, i primi tre posti furono ancora italiani.

Giunge, ora, la notizia che ad Hefei (Cina), il 22 luglio 2015, la squadra di Robotica dell’ITIS Galilei di Roma si è aggiudicataper il secondo anno consecutivo, il prestigioso titolo di Campioni del Mondo di Robocup.

Oltre a rinfocolare il nostro legittimo orgoglio nazionale, la notizia fa giustizia delle semplificazioni operate persino dalla stampa specializzata, oltre che da politici interessati ad una interpretazione capziosa dei dati, circa la funzionalità del nostro sistema scolastico, valutato sulla base dei risultati ottenuti nella rilevazione internazionale OCSE PISA. In realtà, come abbiamo avuto modo di scrivere in un nostro precedente commento, esiste una scuola italiana “a doppia velocità”, riflesso del fatto che esiste un sistema paese “a doppia velocità”. La scuola italiana raggiunge, in certe regioni, livelli di eccellenza internazionale, mentre arranca in altre. Il tutto, ovviamente, nascosto dietro la cappa statistica dei valori medi, i quali, come diceva Trilussa, attribuiscono un pollo a testa sia a chi ne mangia due, sia a colui che rimane a digiuno.  

Del resto, non occorre sovrabbondanza di scienza per capire che esiste una forte correlazione tra ambiente e livelli di apprendimento. Lo ricordiamo ai troppi esperti in materia scolastica in circolazione per il Paese (molti dei quali a scuola ci sono stati, sì e no, da studenti), così come a quanti, nelle recenti vicende della legge 107 (riforma o controriforma della Scuola, a seconda dei punti di vista) si sono schierati a favore di una visione “militarizzata” della Scuola, finalizzata al recupero di una presunta efficienza della stessa. 

24/07/2015

ATP ROMA: CALENDARIO DI CONVOCAZIONE FASE A

24/07/2015

SCRIMA A TECNICA DELLA SCUOLA: CONTINUA LA LOTTA CONTRO LA BUONA (??) SCUOLA

Intervista a Francesco Scrima, segretario nazionale della Cisl Scuola. Battaglia sulla legge 107, assunzioni e campagna referendaria tra i temi dibattuti. 

La battaglia su 'La Buona Scuola', la legge n.107 di riforma dell'ordinamento scolastico, non si ferma. I sindacati hanno intenzione di continuare la lotta anche a settembre quando si ritornerà sui banchi di scuola.

leggi l'intervista sul sito di Tecnica della Scuola

24/07/2015

CONGRESSO I.E.: TROPPO MERCATO IN ISTRUZIONE, EMERGENZA MONDIALE

Alla presenza di oltre 1.000 delegati in rappresentanza di 400 organizzazioni, rappresentative di 30 milioni di insegnanti ed altri operatori dell’istruzione in oltre 170 paesi in tutto il mondo, con la giornata del 22 luglio 2015 il 7° congresso Mondiale dell’Internazionale dell’Educazione, che si svolge ad Ottawa, in Canada, è entrato nel vivo dei suoi lavori.

continua la lettura sul sito nazionale

  1