01/12/2016

INTESA SUL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI. QUELLA FIRMATA È LA MIGLIORE POSSIBILE

Siglata ieri, 30 novembre, a Palazzo Vidoni, l’intesa politica tra Governo ed Organizzazioni Sindacali della Scuola e del Pubblico Impiego che apre la strada al rinnovo dei contratti di settore, i quali saranno poi oggetto di specifica trattativa presso l’Agenzia di rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN).

Come la stampa ha ormai reso noto, l’aumento medio della retribuzione è di 85 euro lordi mensili: una somma che, da un lato, forse non risponde pienamente alle attese di categorie i cui stipendi sono stati penalizzati da sette anni di blocco della contrattazione, ma, dall'altro, è congruente agli aumenti recentemente concordati nel settore privato. Si tratta, dunque, di una cifra coerente con le attuali possibilità economiche del Paese, ferma rimanendo la problematica, tutta politica, dell’efficientamento dell’uso delle risorse (spending review) e del riequilibrio delle retribuzioni in tutto il settore pubblico, ivi compresi gli incarichi elettivi e la forbice che separa i livelli dell’alta dirigenza rispetto alle qualifiche inferiori.

È certamente possibile che, dietro l’inopinata disponibilità del governo a modificare l’equilibrio da esso stesso finora perseguito tra la regolamentazione legislativa e quella contrattuale del rapporto di lavoro, si nasconda qualche preoccupazione relativa alla prossima consultazione elettorale, ma non è compito, né interesse del sindacato valutare le intenzioni recondite della controparte. Il suo fine istituzionale è, piuttosto, quello di cogliere ogni occasione utile per migliorare le condizioni lavorative dei propri rappresentati, contemperandole con le esigenze di funzionalità del servizio. Di ciò hanno tenuto conto le OO. SS.  nell'apporre la propria firma sotto un’intesa che riapre spazi di agibilità per una gestione il più possibile condivisa del rapporto di lavoro. Un’intesa che, con ogni probabilità non avrebbe potuto essere raggiunta, per diverse ragioni,  dopo il 4 dicembre, a prescindere dall'esito finale della consultazione referendaria.

Si apre, ora, la seconda fase, quella della contrattazione all’ARAN, per l’adeguamento del contratto della Scuola  alle mutate condizioni di lavoro. 

01/12/2016

Firmata intesa sui contratti pubblici. Gissi: "Passaggio indispensabile per un rinnovo atteso da anni"

"L'accordo politico di oggi è un passaggio importante, indispensabile per aprire concretamente le trattative di comparto- Così Maddalena Gissi, segretaria generale della Cisl Scuola, commenta l'intesa firmata oggi a palazzo Vidoni da Cgil, Cisl e Uil. 

continua la lettura sul sito della CISL SCUOLA Nazionale

18/11/2016

Mobilità docenti 2016/2017. I sindacati scuola ricorrono al TAR e al Giudice del Lavoro

Negli incontri programmati e che si stanno svolgendo ai diversi tavoli di confronto con il MIUR, Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal hanno più volte avanzato la richiesta di rifacimento delle operazioni di mobilità per ripristinare i diritti del personale, lesi dall’errata applicazione del Contratto della mobilità del decorso anno scolastico. 
continua la lettura sul sito della Cisl Scuola Nazionale

31/10/2016

UN'ORA DI LAVORO A FAVORE DELLE POPOLAZIONI TERREMOTATE

I sindacati scuola maggiormente rappresentativi del comparto (Flc CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS Confsal, GILDA Unams) hanno promosso una raccolta di fondi a favore degli interventi per le popolazioni del centro Italia colpite dagli eventi sismici del 24 agosto 2016. Chi vuole può devolvere l'equivalente di un'ora di lavoro; l'importo sarà trattenuto direttamente sullo stipendio per tutti coloro che provvederanno alla sottoscrizione di una delega da compilare su apposito modulo e consegnare alla segreteria della scuola in cui prestano servizio.
continua la lettura sul sito della CISL SCUOLA Nazionale

31/10/2016

Sostenere con forza le iniziative di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dal sisma

Il ripetersi di eventi sismici in centro Italia, la cui intensità si è addirittura accentuata nelle nelle ultime ore, anche se per fortuna non ha creato ulteriori lutti dopo le tragiche scosse di fine agosto accresce la necessità di far fronte a una situazione di disagio che si va ulteriormente estendendo nell'area interessata al terremoto.

Continua la lettura sul sito della CISL Scuola Nazionale

25/10/2016

OLTRE LE FRONTIERE DELLE EMERGENZE CONVEGNO CISL SU IMMIGRAZIONE NEL LAZIO

25/10/2016

Concluso dall'intervento di Maddalena Gissi il convegno sul sistema integrato di formazione zero sei

'idea di fondo di un sistema organico, integrato, in grado di collegare i servizi all'Infanzia alla Scuola dell'infanzia può essere condivisibile, ma a solo a precise condizioni: salvaguardare l'identità pedagogica e organizzativa della scuola dell'infanzia; garantire l'estensione dei servizi alla prima infanzia e la generalizzazione della Scuola dell'Infanzia; assicurare spazi di collegialità e condivisione; rendere disponibili risorse certe e stabili; rivisitare spazi e tempi, partendo dalla riduzione del rapporto docenti/alunni. Questi i punti che la Cisl Scuola ha voluto porre in evidenza sia nella relazione introduttiva della segretaria nazionale Ivana Barbacci, sia nelle comunicazioni dei gruppi di lavoro che hanno fatto seguito all'apprezzatissimo intervento di Giancarlo Cerini. 

continua la lettura sul sito della CISL SCUOLA Nazionale

28/09/2016

Inaugurazione anno scolastico, lettera aperta dei sindacati scuola al Presidente della Repubblica

In vista della cerimonia di apertura dell’anno scolastico 2016/17, in programma venerdì prossimo a Sondrio, i segretari generali dei sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal si rivolgono al Presidente della Repubblica, che sarà presente alla manifestazione, con una lettera aperta nella quale sottolineano l’impegno quotidiano di insegnanti, dirigenti e personale ATA per garantire, spesso in condizioni di notevole difficoltà, il buon funzionamento della scuola in tutto il Paese. 

continua la lettura sul sito della Cisl Scuola Nazionale

  1